Aquila, il drone di Facebook per portare connettività nelle aree impervie

zuckerberg160Un aereo automatico, leggero e dall’apertura alare di un Boeing 737: sono queste le caratteristiche di Aquila che tramite connettività al laser porterà Internet nelle aree sottosviluppate e di difficile accesso

 

Facebook è pronta a sfidare Google e il suo Project Loon per portare la connettività in aree sottosviluppate o di difficile accesso: nel contesto dell’iniziativa Internet.org il social network ha infatti presentato Aquila, un velivolo in grado di navigare ad alta quota per parecchie settimane. Un modello operativo è già pronto per le attività di test sul campo.

Si tratta di un avioggetto caratterizzato da un’apertura alare di circa 36 metri, pari a quella di unBoeing 737, e da una forma che ricorda vagamente quella di un bombardiere stealth B-2. Il peso – anche con tutti i dispositivi di comunicazione equipaggiati – si aggira però intorno ai 450 chilogrammi, ovvero quasi quanto una Renault Twizy. Aquila è infatti costituito da due leggeri pannelli in fibra di carbonio che sono disposti a sandwitch e contengono un riempimento di schiuma.

L’aereo è interamente ricoperto da celle solari che, unitamente al basso peso, permettono ad Aquila di volare ad un’altitudine tra i 60 e i 90 mila piedi (al di sopra delle rotte commerciali) e di avere un’autonomia ininterrotta fino a 90 giorni. Attualmente il record di un volo ininterrotto di un aereo è di due settimane. Durante il giorno l’aereo vola a 90 mila piedi. Di notte, per risparmiare energia, vola a 60 mila piedi per poi risalire a 90 mila piedi con il levar del sole.

Tramite equipaggiamenti di comunicazione a radiofrequenza combinato con un sistema di comunicazione al laser, l’aereo potrà fornire connettività verso il suolo. Facebook afferma di aver compiuto importanti passi avanti per quanto concerne la velocità di trasmissione e l’accuratezza di questi laser, potendo giungere nel complesso ad una capacità di trasmissione dati fino a 10 gigabit al secondo.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.© Tutto il materiale è di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari.