F-Droid

F-Droid è un catalogo di applicazioni libere per Android, realizzato da un software lato client e uno lato server, entrambi coperti da licenza libera (rispettivamente GNU GPLv3+ e GNU AGPL).
Caratteristiche
Il client F-Droid, che nasce da un riadattamento di Aptoide, aggrega il catalogo delle applicazioni interrogando periodicamente i depositi di software (repository) configurati, tipicamente quello ufficiale gestito dalla comunità di F-Droid, che contiene esclusivamente software libero. Le seguenti caratteristiche, elencate in semplice ordine alfabetico, distinguono F-Droid da Google Play.

Anonimato
Per accedere al catalogo F-Droid è sufficiente installare il client, senza necessità di alcuna forma di registrazione.
Catalogo offline
L’elenco e i dettagli delle applicazioni disponibili è salvato sul proprio dispositivo, consentendo di sfogliare il catalogo anche senza una connessione ad Internet.
Comunità e sviluppo
Gli utenti di F-Droid sono invogliati a partecipare attivamente allo studio e allo sviluppo delle singole applicazioni, ognuna delle quali riporta esplicitamente: come mettersi in contatto con chi mantiene il software, come segnalare idee o problemi, come effettuare donazioni e sotto quale licenza libera è distribuita.
Condivisione
Ogni applicazione è condivisibile tramite Bluetooth o con la funzionalità Swap apps, che permette di pubblicare le proprie applicazioni nella rete locale attraverso Wi-Fi. La condivisione avviene legalmente grazie alla licenza libera delle applicazioni.
Note su funzionalità controverse
Poiché il codice sorgente di tutte le applicazioni è sempre disponibile, la comunità è in grado di far sì che F-Droid avverta l’utente a priori se una data applicazione contenga pubblicità o se si basi su servizi di rete non liberi o su software proprietario (ovvero se potrebbe svolgere attività indesiderate non verificabili). Queste funzionalità, solitamente non gradite, sono chiamate anti-funzionalitá (da anti-features in lingua Inglese).
Retro-compatibilità e collaudi sperimentali
Di ogni applicazione è possibile scaricare sia l’ultima versione che le versioni precedenti, per consentire retrocessioni di versione. Alcune di queste versioni possono essere contrassegnate come sperimentali per essere distribuite a scopi di collaudo e successivamente contrassegnate come stabili. Sempre per scopi di collaudo è inoltre possibile installare applicazioni che, teoricamente, non sono supportate dal proprio dispositivo per mancanza di alcune caratteristiche, come ad esempio il multi-touch o i permessi di root.
Sicurezza
Tutte le applicazioni la cui versione ha l’etichetta source sono state compilate direttamente a partire dal codice sorgente. Ciò significa che il codice sorgente riportato è effettivamente funzionante e che non sono state inserite anti-funzionalità nel momento fra compilazione e distribuzione (cosa che potrebbe invece verificarsi per applicazioni open source presenti su Google Play, dove l’applicazione è compilata e caricata da parte dello sviluppatore e potrebbe cioè non rispecchiare il codice sorgente proposto). È possibile notare che l’app F-Droid è a sua volta nell’elenco delle app disponibili da F-Droid e subisce gli aggiornamenti come una qualsiasi altra app in F-Droid.

Progetto
Il deposito di F-Droid contiene un numero sempre crescente di applicazioni (più di 1600 a settembre 2015). Il progetto si divide in:

un client software per cercare, scaricare, aggiornare e verificare le applicazioni Android da un repository di F-Droid;
fdroidserver, uno strumento per gestire e creare nuovi repository;
un front end WordPress per i repository.
Le app di F-Droid sono compilate a partire da codice sorgente liberamente disponibile e a licenza libera. Il progetto è gestito da volontari e non ha nessun processo formale di accettazione per le app. Sia gli sviluppatori che gli utenti possono liberamente ampliare il catalogo app di F-Droid. L’assenza di codice proprietario è l’unico requisito richiesto alle applicazioni nel catalogo F-Droid.

Distribuzione
Il client F-Droid non può essere incluso nel catalogo di Google Play perché la sua distribuzione è vietata dalle sue condizioni d’uso, che impediscono agli sviluppatori di inserirvi applicazioni concorrenziali allo stesso catalogo. Per questo motivo, oltre che per evitare d’utilizzare il catalogo Google, che è realizzato da un software proprietario, il client F-Droid è pubblicato soltanto al di fuori di esso, in particolare sul sito web ufficiale.

fonte: it.wikipedia.org

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.© Tutto il materiale è di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari.