Mozilla arrabbiata con Microsoft: Windows 10 ignora le scelte dell’utente

win10hero_160Dopo l’aggiornamento da Windows 7 o Windows 8, Microsoft Edge viene impostato come browser di default anche se in precedenza l’utente ha esplicitato altre scelte. Il CEO di Mozilla adirato con l’azienda di Redmond

Il CEO di Mozilla, Chris Beard, ha espresso il proprio disappunto nel modo in cui Windows 10 gestisce la selezione del browser web di default a seguito dell’aggiornamento da Windows 7 o Windows 8. Una volta condotto a termine l’aggiornamento, infatti, le precedenti preferenze dell’utente saranno ignorate e Microsoft Edge viene configurato come nuovo browser di default.

“Con il lancio di Windows 10 siamo esprimiamo profondo disappunto nel vedere come Microsoft abbia compiuto un netto passo indietro. E’ sconcertante vedere come, dopo quasi 15 anni di progresso supportato da un significativo intervento del governo, con Windows 10 le preferenze dell’utente siano state rimosse” ha dichiarato Beard.

Beard prosegue con livore: “Il processo di aggiornamento sembra essere ideato di proposito per scavalcare le scelte che l’utente ha compiuto in merito all’esperienza Internet che desidera, sostituendole con le preferenze per l’esperienza Internet che Microsoft vuole che l’utente abbia”.

Il CEO di Mozilla ha poi osservato di aver riscontrato questo modus operandi anche nelle build pre-release di Windows 10 e di aver contattato Microsoft per notificare la cosa. Le osservazioni di Beard non hanno però portato ad alcun cambiamento nella versione finale delsistema operativo.

Pur trattandosi di un’operazione semplice, Mozilla ha pubblicato un video per spiegare agli utenti come è possibile configurare un browser di default diverso a Microsoft Edge. Chris Beard ha inoltre scritto una lettera aperta al CEO di Microsoft, Satya Nadella, esprimendo il suo risentimento per il fatto che “milioni di utenti che amano Windows si vedono ignorati nelle loro scelte”.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.© Tutto il materiale è di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari.