Super Mario Run

Super Mario Run è stato probabilmente il gioco mobile più atteso del 2016, con l’attesa che sta ancora perdurando per gli utenti Android. Rilasciato il 15 dicembre su iOS, il gioco è appena sbarcato su Google Play Store per la pre-registrazione. Per passare dallo stato di “prenotabile” a quello di scaricabile sono passati circa 3 mesi su iOS, quindi è probabile che passerà un periodo simile perché gli utenti del robottino verde possano far zompettare l’idraulico italiano sul proprio dispositivo.Il gioco era stato annunciato su App Store all’interno dell’evento di presentazione degli iPhone 7, ma Nintendo aveva specificato che sarebbe arrivato anche su Android. Si tratta del primo titolo della serie a sbarcare ufficialmente sui dispositivi mobile della concorrenza, e proprio per questo il suo approdo è stato accolto molto calorosamente dall’utenza Apple. In pochi giorni ha superato soglia 40 milioni di download divenendo l’app più redditizia dello store per dispositivi mobile Apple.
Super Mario Runnon è il Mario classico a cui sono abituati gli utenti NES. Si tratta invece di uno spin-off da giocare con una sola mano e progettato nello specifico per l’uso su smartphone. A seconda di come il giocatore tocca lo schermo Mario si esibisce in un certo tipo di salto, esegue abili mosse e raccoglie monete nel suo cammino verso il traguardo. Ci sono tre modalità di gioco e sei mondi e 24 livelli e l’obiettivo è, al solito, salvare la Principessa Peach dalle grinfie di Bowser.
Super Mario Run include anche le modalità Sfide Toad, che prevede un confronto con altri giocatori, e Regno, in cui bisogna ottenere monete per aggraziarsi i Toad. Con le monete è poi possibile creare il proprio regno personale aggiungendo edifici e altri elementi. Grazie al sostegno dei Toad, il giocatore potrà costruire e personalizzare il regno per renderlo più grande e splendente.

fonte hwupgrade.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.© Tutto il materiale è di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari.